Home Altre pagine Articoli Per i propri cuccioli non si bada a spese

Per i propri cuccioli non si bada a spese

 

 

Siamo un popolo pet-friendly: tre famiglie italiane su dieci possiedono infatti un amico a quattro zampe.

 

Nel 63,3% dei casi si tratta di cani e per il 38,7% di gatti, come ha rivelato un rapporto dell’istituto di ricerca Eurispes. I cani sono 6,9 milioni, mentre la popolazione domestica felina sfiora i 7,5 milioni.

 

Accogliere un cane e/o un gatto regala compagnia e appaga il bisogno di sentirsi utili. Gli animali sono inoltre una fonte inesauribile di tenerezza. In un caso su due, dormono nel letto con il proprio padrone. 

 

Possedere animali d’affezione comporta gioie e impegni, soprattutto quando diventano veri e propri membri della famiglia.

 

Il 46,2% dei proprietari rinuncia talvolta a uscire per troppe ore al giorno o a fare un viaggio per non lasciare solo il proprio animale. D’altro canto però, proprio il fatto di doversene prendere cura, rappresenta spesso uno stimolo a socializzare con chi possiede a sua volta un cane o un gatto e a responsabilizzarsi, specialmente quando si parla di bambini e adolescenti.

 

Avere un amico a quattro zampe vuol dire anche sostenere delle spese che variano, secondo Eurispes, da 50 euro al mese per cibo, pulizia, vaccini e spese veterinarie, fino a 100 euro. 

 

I costi più ingenti possono essere invece le spese veterinarie. Le vaccinazioni ad esempio possono costare da 30 a 50 euro ciascuna. Nei casi in cui i nostri cuccioli abbiano bisogno di cure antibiotiche o antiparassitarie la cifra ammonta a quasi 100 euro per solo due cicli. Anche le spese chirurgiche raggiungono cifre molto alte. La rimozione di corpi estranei dall’esofago o un’operazione per un ascesso può impegnarci economicamente fino a 4.000 euro, l’asportazione di cisti fino a 2.500 euro.  

 

Purtroppo si tratta di esborsi importanti e difficilmente prevedibili, che a volte costringe a ridurre le proprie spese personali in favore di quelle per il proprio amico a quattro zampe. 

 

Non c’è, però, da stupirsi: chi conosce l’amore che sanno dare questi animali non si tira certo indietro. Un cane o un gatto sono a tutti gli effetti dei membri della famiglia alla quale vogliamo assicurare una vita serena e in piena salute.